Scarp de’ tenis si aggiudica lo “Special news Service INSP AWARD”

Scarp de’ tenis, il giornale di strada promosso da Caritas Ambrosiana e Caritas Italiana, si aggiudica un nuovo importante riconoscimento giornalistico. Il board di INSP (International Network of Street Papers), la rete internazionale dei giornali di strada di cui anche Scarp fa parte, ha reso noto proprio oggi che la giuria internazionale ha deciso di assegnare a Scarp de’ tenis lo Special News Service Insp Award, grazie all’intervista esclusiva a Papa Francesco, pubblicata sul numero di marzo, che è risultata essere il pezzo più tradotto e condiviso dai giornali di strada di tutto il mondo. Il premio internazionale verrà consegnato al direttore Stefano Lampertico, che ha raccolto a metà febbraio in Vaticano le parole di Papa Francesco insieme allo storico responsabile della redazione di strada Antonio Mininni. La cerimonia di premiazione si terrà nel corso di una serata speciale che avrà luogo mercoledì sera, 23 agosto, a Manchester, nel Regno Unito, all’interno del Global Summit dei giornali di strada che vede riuniti i direttori, i giornalisti e gli operatori dei giornali di strada di tutto il mondo.

«Dopo i tanti riconoscimenti in Italia, arriva per Scarp anche il primo Premio internazionale – dice Stefano Lampertico, direttore del giornale di strada – che riceviamo con grande soddisfazione. Un premio che dà lustro al lavoro di tanti anni e che riconosce il lavoro e la caparbietà di tutti coloro che sono coinvolti nel nostro progetto: giornalisti, venditori di strada, operatori.
Lo riceviamo grazie alle parole di Papa Francesco a Scarp de’ tenis, che, tradotte, hanno fatto il giro del mondo e ci hanno consentito di ottenere questo prestigioso riconoscimento.
La forza delle parole e dei pensieri di Francesco hanno raggiunto grazie agli streetmagazine di tutto il mondo, una platea di milioni di lettori, ma non solo.
Sono arrivate dritte anche nel cuore dei più poveri, di chi vive grazie alla vendita dei giornali di strada, di chi grazie a questa attività riesce a generare un reddito di inclusione. Come ci ha detto papa Francesco è importante “mettersi nelle scarpe degli altri”.
Lo facciamo da tanti anni, continueremo a farlo con sempre maggiore forza e convinzione».

Autore dell'articolo: Settimanale Radar