Gorgonzola, ponte di via Buozzi: in arrivo altri controlli per poter riaprire almeno al traffico leggero

Una macchina arriva alla rotonda di via Mattei, il conducente vede via Buozzi parzialmente sbarrata con il cartello che comunica l’accesso consentito solamente ai residenti e scuote la testa: gli toccherà percorrere un’altra strada. Una scena che da una settimana a questa parte è abbastanza frequente e che, a meno di clamorosi stravolgimenti, rimarrà tale per molto tempo. Dallo scorso 30 gennaio il ponticello che in via Buozzi transita sopra al Molgora è considerato a rischio e quindi non percorribile dai mezzi di trasporto. La decisione è stata presa in via precauzionale ed è solamente il primo step di un percorso che porterà il ponticello ad avere una nuova vita. La vicenda avrà ancora molte altre tappe. La seconda sarà relativa ai controlli approfonditi sulla tenuta del ponticello in base ai carichi che transitano durante la giornata. Stucchi spera che questa seconda fase dei controlli possa servire per portare il Comune a riaprire almeno parzialmente il traffico: “Si tratterebbe di una riapertura al traffico leggero, logicamente – dice Stucchi a Radar – però è ancora presto per parlarne”.
Si potrà quindi pensare alla terza fase, quando il Comune dovrà capire con l’ausilio di chi si è occupato di analizzare i ponti (4 Emme Service S.p.A di Bolzano) come agire sul ponte: si potrà intervenire sulla struttura già esistente o bisognerà abbatterla per ripartire da zero? Per saperlo bisognerà attendere molto, si annunciano tempi decisamente lunghi per risolvere la questione.

L’articolo completo in edicola

Autore dell'articolo: Settimanale Radar