Cassina fa la guerra a chi abbandona i rifiuti, ecco come

È dello scorso giovedì 23 l’ultimo intervento dell’amministrazione comunale di Cassina de’ Pecchi contro le discariche abusive che ne deturpano il territorio. A essere nel mirino degli operatori di Cem è stata via Galilei, in piena zona industriale, dove è stato raccolto un grosso cumulo di rifiuti. Non è stato un evento senza precedenti, in questo agosto che si appresta a finire: già all’inizio del mese, analoga operazione era stata condotta a Sant’Agata, dove erano stati recuperati trecentoventi chili di spazzatura. Da questi era stato possibile risalire, almeno in parte, ai perpetratori, il che aveva portato all’emanazione di due sanzioni. Un’ulteriore operazione del genere era stata invece conclusa a fine luglio. Una situazione che sembra dunque tutt’altro che rara sul territorio, anche se il comune si è già attivato per combatterla.
“L’intervento effettuato la scorsa settimane rientra in una serie di operazioni ricorrenti, che teniamo in collaborazione con Cem e con la polizia locale per individuare i cittadini che non si attengono alla raccolta differenziata e abbandonano i rifiuti indiscriminatamente”, ci ha spiegato Tommaso Chiarella, assessore, tra l’altro, alle politiche ambientali. “L’intervento è stato effettuato sia in via Galilei che in via Fermi – ha poi precisato – Abbiamo rimosso quasi una tonnellata di rifiuti in tutto, usando tre automezzi del Cem e una volante della Polizia locale”.

Ma in che modo vengono individuati questi scaricamenti abusivi di rifiuti?
“Usiamo un sistema di telecamere spia a infrarossi, che quindi riescono a riprendere sia di giorno che di notte. Facciamo girare le telecamere sul paese, piazzandole di volta in volta nelle zone sensibili. In questo modo, cerchiamo di guadagnare immagini attraverso le quali l’ufficio tecnico e la polizia locale, collaborando, possano risalire a targhe di auto o volti noti. È un metodo che ha i suoi costi, ma che ci ha permesso di ottenere dei risultati”.

Leggi l’intervista completa su Radar in edicola domani

Autore dell'articolo: Settimanale Radar