Io sto con gli ippopotami: la 25enne pessanese Martina e l’ex zoo dei narcos

Il nome di Pablo Escobar, narcotrafficante e criminale colombiano, è noto a molti, ma forse non tutti sanno che aveva costruito nella sua tenuta “Hacienda Nápoles” uno zoo personale con diverse specie di animali, tra cui quattro ippopotami. Quest’ultimi, dopo essere scappati, si sono riprodotti nell’ambiente circostanti causando seri problemi. A porvi rimedio potrebbe pensarci anche una giovane pessanese. Martina Amari, 25 anni, che lavora da quasi un anno presso l’Ospedale Veterinario Universitario di Lodi come anestesista nel team di Giuliano Ravasio, professore di anestesiologia e medicina operatoria veterinaria dell’Università degli Studi di Milano. Ed è proprio il team del professore Ravasio che potrebbe volare in Colombia per anestetizzare e sterilizzare gli ippopotami di Escobar. “Per il momento volare in Colombia è ancora una ipotesi, ne parleremo in modo più approfondito alla fine della pandemia. Il progetto è però molto ampio. Sicuramente sarebbe una bella collaborazione e una esperienza molto importante per me. Da neolaureata non mi sarei aspettata di far parte di un team così valido”.

IN EDICOLA L’INTERVISTA COMPLETA

Autore dell'articolo: Settimanale Radar