Stucchi e Scaccabarozzi in coro: “Accordo alla luce del sole per il bene del paese”

Strette di mano, sorrisi e tanta voglia di vincere. Una vittoria che per buona parte della conferenza stampa per presentare l’accordo tra Ipg e coalizione Stucchi è quasi sembrata data come per scontata, anche se poi i due principali attori hanno ricordato che il 24 giugno bisognerà fare le cose per bene. “Non mi sono pesati questi giorni di confronto tra di noi – ha detto il sindaco uscente – perché andavo a parlare con serenità con persone che hanno le nostre stesse idee e che vogliono dare un futuro buono alla città”. Secondo Stucchi “non è una questione di poltrone e di chi andrà a fare le cose in giunta, è una questione di idee che finalmente si incontrano e si uniscono perché il momento lo richiede”. I valori, insomma, sono comuni e per il centrosinistra gorgonzolese è nata una nuova stagione. Un poi più breve e concreta Ilaria Scaccabarozzi: “Le tante persone con cui abbiamo parlato ci hanno chiesto di fare questo accordo, è alla luce del sole e col massimo dell’onestà verso chi ci ha votato al primo turno. Non potevamo prendere il 21% e non provare a governare la città, i cittadini ci chiedono altro. Delle critiche ce ne faremo una ragione”. Tra ringraziamenti e sorrisi sono emersi anche i dieci punti chiave stilati nelle ultime ore: ci sono ambiente e valorizzazione del patrimonio culturale, lotta alla burocrazia soffocante, amministrazione aperta ai cittadini, attenzione ai disabili, comitati di quartiere, aiuto alle associazioni sportive e di volontariato, potenziamento di eventi come sagra e fiera e la novità di un laboratorio per i cittadini che vogliono capire il funzionamento della cosa pubblica. Perché si guarda anche al futuro, “con queste coalizioni abbiamo portato tanti giovani – ha detto Scaccabarozzi – è giusto che rimangano vicini nel caso vincessimo ma anche nel caso perdessimo, perché così possiamo rinnovare la classe dirigente del paese”.

Scendendo più prosaicamente nei dettagli dell’accordo, lasciati da parte durante la conferenza, c’è la conferma dei due posti in giunta ad Insieme per Gorgonzola mentre pare probabile che possa essere Gorgonzola Bene Comune ad avere la presidenza del Consiglio in caso di vittoria. Confermata l’esclusione di LeU che al 99% dopo aver perso il consigliere perderà anche un eventuale posto in giunta, almeno così riferiscono alcune fonti. Gabriele Mandelli sarebbe quindi la più grossa vittima del suo sogno del centrosinistra unito. Ubi maior…

 

Autore dell'articolo: Settimanale Radar