Sta arrivando una nuova sagra, coinvolte più vie cittadine e cibo anche per celiaci

Rieccoci, cara sagra. Come sempre l’atmosfera che si respira nella settimana della vigilia è carica d’attesa (durante la conferenza stampa di presentazione qualcuno si è rifiutato di pronunciare l’ipotesi meteo negativa usando qualche giro di parole simpatico) e c’è voglia di mettere alla prova dei fatti le migliorie elaborate negli ultimi mesi. “Siamo orgogliosi per questa sagra che giunge alla 20ª edizione ed è capace di rinnovarsi – ha dichiarato il sindaco Angelo Stucchi, aprendo la breve conferenza stampa di presentazione dell’evento – ormai la città è pienamente coinvolta in questo evento”. Soddisfatta e già elettrizzata anche Donatella Lavelli, presidente della locale Pro loco: “Abbiamo raccolto le istanze arrivate in modo più o meno educato dopo l’ultima edizione e presentiamo una sagra diversa che si va a snodare in zone della città che prima non venivano toccate. In questo modo possiamo dislocare diversamente i punti ristoro lungo tutto il percorso (come mostriamo nella cartina a destra ndr) e speriamo di poter migliorare la situazione degli scorsi anni quando in piazza facevamo fatica a gestire le lunghe code”.

Tutti i dettagli su Radar in edicola

Autore dell'articolo: Settimanale Radar