Siena e Giana non si fanno male, ora la Pistoiese

Uno 0-0 che ha deluso più il pubblico toscano che quello gorgonzolese. Siena e Giana mercoledì non si sono fatte male e si sono divise la posta in palio al termine di 90 minuti equilibrati in cui i due allenatori hanno mostrato di aver studiato alla perfezione le contromosse necessarie per non subire gol e per non soffrire eccessivamente. Nei vari cambiamenti ci ha rimesso il Siena che Mignani ha schierato con un rivedibile 3-5-2 che ha sofferto la mancanza di qualità davanti, la Giana invece sembra prendere confidenza con la difesa a 4 e Albè si è concesso anche un centrocampo un pelo più offensivo lasciando inizialmente in panchina un esterno di copertura come Iovine e giocando con Pinto (lui sì delegato a compiti di copertura) e Chiarello sulle fasce.
Non tante in verità le occasioni da raccontare, un buon primo tempo della Giana che dopo 20 minuti ha decisamente assunto il controllo del match creando però solamente un paio di mischie insidiose. Secondo tempo tutto di marca toscana con le conclusioni di Marotta (attaccante omonimo del capitano della Giana) e di Terigi che prima si è reso pericoloso con uno strano tiro deviato e poi con una fiondata dai 30 metri. Due mezze occasioni per Marotta e Chiarello e poi la doppia clamorosa occasione prima per Cristiani chiuso da Sanchez e poi per Bulevardi che sulla ribattuta ha trovato il corpo di Montesano.

E ora il Pontedera – Uno 0-0 giusto che muove ancora la classifica ma ora la Giana deve centrare almeno un successo nella doppia sfida in casa contro Pistoiese e Carrarese. Più facile forse il secondo match perché Indiani è bravo tatticamente e la Pistoiese è difficile da affrontare, non resta che aspettare e vedere.

Foglio e Montesano chiudono l’attacco del Siena.

Autore dell'articolo: Settimanale Radar