L’accordo Stucchi-Scaccabarozzi? Si può fare, ma…

Si lavora alacremente nelle ultime ore, quasi negli ultimi minuti, per avvicinare sempre più le posizioni di Insieme per Gorgonzola e della coalizione guidata da Angelo Stucchi in vista del 24 giugno. Il traguardo limite di venerdì, entro quale le liste dovrebbero comunicare apparentamenti in caso ce ne fossero, può essere serenamente ignorato perché, a logica, non si va in questa direzione. L’apparentamento sarebbe una scelta che privilegerebbe infatti il grande risultato della lista Ipg, che è la più votata di tutte, garantendo alla civica cinque consiglieri e di fatto avendo in mano le chiavi della maggioranza in caso vincesse Angelo Stucchi. Scartata la soluzione “ufficiale” si lavora ad un altro tipo di accordo. Ilaria Scaccabarozzi non è tipo da accordi al ribasso e negli ultimi anni ha sempre espresso chiaramente le priorità della sua lista, è facile pensare che rivolga le sue mire ai servizi sociali e ad un super assessorato con deleghe all’urbanistica e al territorio unite. Nelle ultime ore sono arrivate parole di apertura, se non proprio al miele. Ipg ha fatto capire di essere pronta a parlare pacificamente a fronte di numeri lusinghieri ma che la subordinano sempre al centrosinistra targato Pd, Stucchi invece ha parlato con i giornali e poi ha pubblicato su Facebook un intervento in cui considera il risultato del centrosinistra come uno solo contrapponendolo a quello del centrodestra targato Olivieri.
Tante buone intenzioni anche se suole dire il proverbio che “di buone intenzioni è lastricata la strada per l’inferno”. Un accordo andrebbe comunque sigillato in modo chiaro e non è detto che sia semplice fare in pochi giorni quello che non si è riusciti a fare in sei anni. Sarebbe anche difficile farlo capire agli elettori, che hanno fatto una scelta ben precisa la scorsa domenica. In paese comunque c’è un clima di fiducia e gli elettorati sono autorizzati a pensare che alla fine un punto di incontro si troverà.
Stamattina sono circolate le prime voci di una riunione imminente tra le parti, ma è arrivata subito una secca smentita a far capire che non è ancora arrivato il momento dei faccia a faccia tra due gruppi che sembrano così vicini ma fino a pochi giorni fa sono stati lontani come non mai.

 


Ilaria Scaccabarozzi

Autore dell'articolo: Settimanale Radar