Gorgonzola, dialogo in corso (ma complesso) sul post scuola per l’infanzia

Il vero nodo da sciogliere per l’amministrazione è quello del pre e post scuola (più che altro il post) per la scuola dell’infanzia. Nodo che però, almeno a breve, non sarà possibile sciogliere. Con gli spazi a disposizione del Comune e delle scuole, organizzare il post scuola è pressoché impossibile dovendo garantire che le diverse “bolle” non vengano a contatto tra loro. “La soluzione populista sarebbe stata fare in ogni modo il post scuola fregandosene, ma non siamo così” ha detto Scaccabarozzi. Temi discussi anche in un incontro con i genitori lo scorso venerdì pomeriggio, posti limitati in sala ma incontro fruibile su Youtube con l’assessore all’istruzione Ilaria Scaccabarozzi affannata nel rispondere alle domande dei presenti. Inutile girarci molto attorno, per le famiglie la mancata organizzazione del post scuola è un grande problema. Il dialogo è aperto, pur nelle difficoltà. Rimane difficile pensare che, stanti le norme del momento, le situazione possa cambiare a breve. La promessa dell’assessore e del sindaco però è stata chiara: valutare attentamente tutti gli spunti e le sollecitazioni arrivate dai genitori e tenersi pronti se le norme dovessero diventare meno rigide. Per far partire il post scuola c’è sempre tempo, basta (e non è poco) che i contagi si assestino un po’.

Tutte le notizie sulla scuola in edicola

Autore dell'articolo: Settimanale Radar