Gorgonzola: bambino non vaccinato non può frequentare l’asilo al “Collodi”

Non ha le dieci vaccinazioni rese obbligatorie dalla legge e non può entrare in classe. Il caso fa rumore perché è l’unico verificato in Lombardia (non ci sono conferme su quattro episodi che riguarderebbero le scuole medie in provincia di Brescia) e arriva da Gorgonzola, più precisamente alla scuola dell’infanzia “Carlo Collodi”. La tanto attesa scandenza dell’11 marzo è arrivata e la normativa parla chiaro: per entrare all’asilo bisogna aver fatto tutti e dieci i vaccini, alle elementari si può entrare anche senza vaccini ma pagando una multa di 500 euro. Il caso è arrivato anche sulle pagine dell’edizione milanese del Corriere della Sera. La preside Elisabetta Genchi racconta di aver parlato a lungo con i genitori dubbiosi sull’efficacia dei vaccini, cercando di spiegarne l’importanza. “Non sono un medico – ha spiegato – ma mi sono informata e cerco di spiegare le conseguenze delle mancate vaccinazioni”. Un’operazione riuscita con tutte le famiglie tranne una. Il padre del bambino si è presentato al “Collodi” con una sfilza di documenti contenenti tesi più o meno bislacche sulle consguenze dei vaccini e l’unica promessa ottenuta dalla preside è stata relativa ad un appuntamento da prenotare entro fine mese con l’Ats.

Domani in edicola l’articolo completo con le dichiarazioni dell’assessore Scaccabarozzi

Autore dell'articolo: Settimanale Radar