Giana tra rinnovi, acquisti e testa alla nuova serie C

Tre rinnovi di lusso (Pinto, Perna e Solerio), più un nuovo acquisto (Remedi) per Maspero. La Giana è attiva sul mercato e valuta tante piste, la più suggestiva è probabilmente in attacco dove i gorgonzolesi sarebbero sulle tracce di Chinelleto.

Intanto la Giana ora può pensare alla serie C 2019-20 con Arzachena, Lucchese, Viterbese e Siracusa già a rischio iscrizione per guai economici di diverso tipo. Di seguito le squadre ad ora in C: AlbinoLeffe, Albissola, Alessandria, Arezzo, Arzachena, Carrarese, Casertana, Catania, Catanzaro, Cavese, Feralpisalò, Fermana, Giana Erminio, Gozzano, Gubbio, Imolese, Juventus under 23, L.R. Vicenza Virtus, Lucchese, Monopoli, Monza, Novara, Olbia, Piacenza, Pistoiese, Pontedera, Potenza, Pro Patria, Pro Vercelli, Ravenna, Reggina, Renate, Rende, Rieti, Rimini, Robur Siena, Sambenedettese, Sicula Leonzio, Siracusa, SudTirol, Teramo, Ternana, Triestina, Vibonese, Virtus Francavilla, Vis Pesaro e Viterbese. Quindi le retrocesse dalla B: Carpi, Foggia, Padova e Venezia. E ovviamente le promosse dalla D: Arzignano Valchiampo, Avellino, Bari, Cesena, Como, Lecco, Pergolettese, Pianese e Picerno. Queste sono le 60 formazioni che hanno il diritto di giocare la prossima serie C, ma ora inizierà il grande valzer delle iscrizioni e dei ripescaggi dalla D che sicuramente ci saranno. Intanto il presidente della Lega C Ghirelli ha dichiarato che la serie C è in stato di sciopero a causa delle mancate agevolazioni per le società nel decreto crescita. Da vedere se, come sembra, si tratti più che altro di una dichiarazione volta a smuovere le acque. Si spera che la serie C non inizi ancora con una situazione poco limpida andando a rovinare la preparazione alle formazioni in gioco.
Si può confermare che la Giana proverà a finire nel girone A mettendo in campo un’azione diplomatica e di dialogo con la Lega di serie C, che però al momento sembra concentrata su altro.

In edicola tutte le mosse del mercato e le ultime sulla nuova Giana

Autore dell'articolo: Settimanale Radar