Giana salva per un palo

Partita pirotecnica, con quattro gol e tante occasioni al Comunale di Gorgonzola tra Giana e Carrarese. Alla fine i ragazzi di Albè, che con questo risultato non perdono da quattro partite, fanno un altro piccolo passo avanti per risalire in partita, ora ci saranno due partite toste contro Livorno ed Alessandria che si possono preparare con serenità. Albè ha confermato il 4-4-2 che utilizza ormai da un mese, stessi 11 della partita di una settimana fa contro la Pistoiese. Partenza a razzo della Giana che dopo 11 minuti si è trovata avanti grazie a Sasà Bruno (non segnava da Giana-Arezzo): palla lunga di Perico e il bomber campano è maestro nel tenere palla e battere Lagomarsini. La Carrarese reagisce bene e scheggia la traversa su punizione con Bentivegna, poi ci prova Iovine prima che arrivi il gol del pareggio di Bentivegna con un tiro su cui forse Sanchez poteva fare meglio. Un dubbio su un contatto in area che danneggia Chiarello alla fine del primo tempo, che la Carrarese conclude avanti 2-1 grazie a Vassallo, bravo a gestire una palla in arrivo dal centrocampo per metterla alle spalle del portiere gorgonzolese.
Bene per la Giana che il pari arrivi subito in avvio di ripresa: al 5° minuto gol di Perna su un traversone di Foglio e la partita torna in equilibrio. Entrambe vogliono vincere e attaccano, Baldini manda in campo Ciccio Tavano per Bentivegna mentre Albè si gioca la carta Bardelloni. Proprio il numero 25 dà a Iovine la palla del possibile 3-2, ma l’esterno manda fuori di testa, poi c’è un miracolo di Lagomarsini su Perico. Nel finale meraviglioso Sanchez che ipnotizza Coralli, poi è Pinto a concludere fuori di poco da lontano. Sembra un 2-2 blindato, poi l’arbitro concede un rigore alla Carrarese proprio all’ultimo minuto, ma Tavano calcia sul palo e la Giana si porta a casa un punto meritato.

Autore dell'articolo: Settimanale Radar