Giana a Carrara contro il secondo attacco del girone

Dopo una partita contro una squadra vicina in classifica come il Gozzano la Giana si prepara alla sfida contro una squadra superiore. La Carrarese ha un’ottima rosa e un grande allenatore come Silvio Baldini, anche se da agosto ad oggi ha difettato in continuità ed è al quarto posto. Non sarebbe però strano se a breve riuscisse a concretizzare il sorpasso su Renate e Pontedera, le due sorprese stagionali che la precedono in classifica, oltre al Monza ormai in fuga per la serie B. La Giana a Carrara troverà una squadra affamata e vogliosa di vincere dopo un pari scialbo nel derby di Pistoia giocato sabato scorso. Non c’è grande mistero sulle scelte di Baldini, la formazione sarà offensiva come sempre con grande sfruttamento delle corsie esterne sia da parte degli esterni alti sia dei terzini. Solitamente la Carrarese gioca con una linea di tre giocatori molto mobili dietro alla punta Infantino che è già arrivato a 15 gol in stagione. Dalla posizione del trequartista, che balla in trenta metri di campo, dipende la disposizione a due o a tre del centrocampo. Non che cambi molto nell’approccio di una squadra che in avanti dà il meglio di sé mentre dietro concede qualcosa di troppo. La Giana dovrà mostrare nuovi miglioramenti difensivi, chiunque giochi davanti nella Carrarese è forte anche con i due grandi vecchi Maccarone e Tavano in panchina, e poi provare a infilarsi nelle maglie rivali magari con qualche contropiede che trovi la squadra di Baldini spezzata in due. Test impegnativo, all’andata finì 1-1 con la prima diretta Rai della Giana in serie C. Altra storia, altri scenari, in trasferta sarà durissima.

Autore dell'articolo: Settimanale Radar