Delta e Ticomm: che bel weekend!

Ticomm – Se tre indizi fanno una prova si può dire che il periodo buio di inizio 2019 per la Ticomm sia decisamente passato. A Viadana arriva un’altra prova convincente e la zona calda della classifica si allontana sempre di più, anzi ora viene quasi naturale guardare in avanti per capire quanti margini ci siano per rientrare nel gruppone di metà classifica. L’aggancio a queste squadre non è di certo facile e per scalare ancora la classifica la Ticomm dovrebbe avere, da qui a fine stagione, un rendimento di altissimo livello ma non mettiamo limiti a una squadra che sembra davvero essersi ritrovata, pur ricordandoci ancora una volta che i voli pindarici non fanno per niente bene alle squadre.
Difficile, comunque, non sottolineare con entusiasmo la bella partita della Ticomm contro Viadana, che era stata battuta anche all’andata proprio prima che la squadra allenata da coach Bonacina si infilasse in un tunnel complesso anche da capire andando a perdere clamorosamente contro Cisano senza fare nemmeno un punto.
Viadana si è confermata una squadra altalenante nel 2019, ma era comunque difficile pensare che potesse crollare così di schianto al cospetto della formazione gorgonzolese. Invece è andato tutto per il verso giusto, i centrali della Ticomm si sono fermati a 7 punti ma dividendosi in modo complementare tra attacco e presenza a muro. Il dominio vero e proprio è stato quello degli attaccanti esterni, l’opposto titolare Gravellini e i due attaccanti di banda Musitano e Dossi sono arrivati ad un passo dal 50% in attacco martellando senza sosta la difesa locale che solo nel primo set è riuscita a oppore qualcosa di simile ad una resistenza organizzata.

Delta – Netta vittoria per la Delta che si prende la rivincita nei confronti delle comasche, unica squadra del girone capace di sconfiggere le gorgonzolesi in questo campionato (oltre alla sconfitta di Binasco nel Winter Bonus) e lo fa con un punteggio che non ammette repliche, un 3 a 0 con terzo parziale vinto 25 a 10 non lascia spazio a nessuna recriminazione per le ospiti che pure si sono presentate al palazzetto baldanzose e quasi certe di poter ripetere la gara di Orsenigo.
L’unica arma a disposizione delle giocatrici Eldor è la battuta, forzata ai limiti dell’impossibile, che all’andata aveva messo in crisi la ricezione gorgonzolese limitando così le capacità in attacco delle prime della classe. A Gorgonzola poche le battute vincenti e moltissimi gli errori per la squadra comasca che, spuntata dai nove metri, ha trovato solo qualche buon attacco dall’opposta e pochi muri vincenti, il tutto insufficiente per tener testa ad una Delta che, oltre al proverbiale rendimento altissimo tra le mura di casa (2 set persi in 8 gare di campionato) aveva anche il dente avvelenato.

Gli articoli completi in edicola

Autore dell'articolo: Settimanale Radar