Nuova vita per il capannone della mafia dei rifiuti

“Lo scorso 29 gennaio è stato pubblicato l’avviso del procedimento ad evidenza pubblica finalizzato alla raccolta di manifestazioni d’interesse per l’immobile sito in via Fermi angolo via Galileo Galilei. Si tratta di un immobile confiscato alla criminalità organizzata e acquisito al patrimonio indisponibile del Comune: è il capannone nel quale la Polizia locale intervenne rivelando lo spazio dove venivano ammucchiati rifiuti, con l’obiettivo di essere incendiati, da parte di organizzazioni criminali. “Il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia è fondamentale – ha dichiarato la prima cittadina Lucia Mantegazza – perché promuove il recupero sociale e la affermazione della legalità. Ridiamo linfa vitale al territorio”.

IN EDICOLA L’ARTICOLO COMPLETO

Autore dell'articolo: Settimanale Radar