Spazzamento-caos a Cassina, strigliata bipartisan per la mancata comunicazione

Multe e lamentele a Cassina, ma nessuno sapeva niente: i nuovi orari della pulizia stradale hanno colto di sorpresa proprio tutti, anche in comune. Nell’agosto scorso, si è infatti conclusa una sperimentazione, articolata su giugno e luglio, che prevedeva un cambiamento nelle tempistiche di pulizia di alcune vie del paese (via Gramsci, via Andromeda, via Marconi, via Matteotti, via Rossini). La cosa ha ovviamente comportato un cambiamento dei divieti di sosta normalmente legati a queste operazioni di manutenzione. Tutto normale, almeno in teoria, perché vari consiglieri comunali, tra cui Andrea Parma e Andrea Maggio, lamentano una mancanza di comunicazione adeguata ai cittadini. Entrambi si sono espressi sui rispettivi blog. “L’unica comunicazione ufficiale (quella del sito web) è stata letta forse da pochi intimi”, ha scritto Parma. “Risultato: tutti o quasi hanno continuato a parcheggiare  l’auto come sempre e chissà cosa avrà pulito la spazzatrice tra giugno e luglio”. Che molti cittadini fossero ignari del cambiamento, è qualcosa di cui Parma si è reso conto anche tramite i social network: “La fase di sperimentazione non era cosa nota, tant’è che, nei mesi di giugno e luglio, molti (tutti a dir la verità) sono cascati dal pero, anche con messaggi furibondi”. Il consigliere informa comunque che “ho già chiesto in via ufficiosa di annullare le multe. Se necessario, lo farò anche in via ufficiale”.

Articolo completo su Radar in edicola

Autore dell'articolo: Settimanale Radar