Cassina: mozione sulla scuola bocciata e il fronte del sì rimane spaccato

Non è passata la mozione sulla scuola a Cassina, con la quale la minoranza compatta chiedeva di usare gli oneri dell’area Nokia per ristrutturare la struttura delle medie. La mozione ha avuto una lunga coda polemica online tra i due principali protagonisti della mozione. Medei ha attaccato Maggio, reo di essere stato autore di un intervento logorroico nel quale ha accusato i consiglieri di maggioranza di essere antidemocratici circa il progetto dell’area Nokia: “Maggio non ha interesse che la scuola primaria venga ristrutturata, il suo progetto politico è ancora quello della giunta D’Amico che voleva costruire scuole nuove in un disegno che prevedeva una massiccia invasione di palazzine e capannoni. Un edificio scolastico ristrutturato non diventerebbe più utile per quel tipo di operazione. Non poteva perdere l’occasione presentatasi con una mozione da usare come spargi-letame contro i possibili avversari elettorali di domani, e i post del day after sui social network ne danno la conferma. Strategia del politico scafato: firmi la mozione anche se non ti piace, la fai bocciare e poi racconti che i cattivi mangiano i bambini. Abile, anche se per me disgustosa, manovra politica”. Secondo Maggio ora Medei si smarca perché “ha paura di far arrabbiare il Pd”.

L’articolo completo in edicola

Autore dell'articolo: Settimanale Radar