Cassina, il Comune vuole la Festa delle api ma non ha chi la possa organizzare

È stata solo di qualche settimana fa la notizia della possibile fine di Fragolosa, la sagra che ha aperto la primavera di Cassina de’ Pecchi negli ultimi anni, che già sembra esserci un’alternativa pronta, ammesso che davvero lo sia, perché l’amministrazione sembra volerle dare una connotazione molto differente. La scorsa settimana, il sito del comune pubblicava un avviso pubblico con il quale si comunicava di volere vagliare delle proposte per una “Festa delle api”, incentrata proprio sull’apicoltura e sui suoi prodotti, stabilendo lo scorso lunedì come termine ultimo per presentare le proposte stesse.

L’avviso è stato pubblicato la scorsa settimana con lunedì 1° aprile come scadenza: non è un tempo ridotto per presentare una proposta?
“So che c’è stato chi ha fatto polemica su questa cosa, ma l’approvazione risale a novembre. Il problema è che l’ufficio che si occupa di queste pratiche lavora part time tre giorni a settimana e a volte si accumulano dei ritardi. Non voglio dare loro la colpa, perché le cose che stiamo facendo sono tante e ci sono della priorità. Io li ringrazio, perché mi rendo conto delle loro difficoltà e bisognerebbe in effetti valorizzare gli uffici che producono molti atti. In questo caso specifico, c’è stato anche un difetto di forma, che ha allungato i tempi”.

L’intervista completa in edicola

Autore dell'articolo: Settimanale Radar